Tennis Journal - tel. 011 3828128 - Iscrizione tribunale di Torino N. 4852 del 24/11/1995 - Direttore responsabile: Roberto Bertellino
 
23/09/2017
 

La storia
 

La sede
 

Gli obiettivi
 
Cronaca
US Open, ottavi di finale
Paolo Lorenzi cede con onore al sudafricano Anderson (04/09/2017)
Una sconfitta onorevole quella in cui è incappato Paolo Lorenzi, 36 anni nel prossimo dicembre, contro il sudafricano Anderson negli ottavi di finale degli US Open 2017. Persi i primi due set con lo score di 6-4 e 6-3, il senese ha reagito nella terza frazione conquistando il tie-break per 7 punti a 4 e rimettendo in discussione l'esito del confronto, sulla carta impari vista la stazza (203 cm e l'efficacia al servizio del rivale, già top ten nel 2015).
E nel quarto set l'azzurro ha addirittura raddrizzato la sfida salendo sul 3-2 con il secondo break della partita su uno dei due doppi falli commessi dall'avversario. Anche in quel caso tuttavia è arrivato immediatamente il contro break di Anderson, che poi sul 4-3 con Lorenzi al servizio è andato 40-0. L'azzurro è stato bravo ad annullare le tre palle break che erano in pratica tre match point, ma non ha fatto altrettanto sotto 5-4: di nuovo 0-40. La parola fine al match l'ha messa un rovescio in rete dell'azzurro. "Lui ha sempre alzato il livello quando sono riuscito ad andare avanti grazie al break. Non penso di aver sbagliato, è stato lui a trovare la soluzione giusta. Io mi sentivo bene fisicamente, se qualcosa posso rimproverami è di non aver servito bene negli ultimi due game, quando per due volte mi sono ritrovato 0-40. La prima l'ho recuperata, la seconda è andata male. Avrei dovuto cercare qualche punto facile in più con la battuta. Però ci ho provato fino all'ultima palla, anche quando ero sotto nel punteggio". Le statistiche sono lo specchio di una sfida che Lorenzi ha provato in ogni modo a raddrizzare e quasi c'è riuscito: 21 vincenti per il senese, 54 per il sudafricano, 30 i gratuiti contro 48. Ovvio, visto le caratteristiche differenti dei due contendenti.

Lorenzi, alla sesta presenza agli US Open, merita solo applausi per il magnifico torneo giocato a New York: al momento è salito al numero 37 della classifica ATP, a meno 4 dal suo best ranking di numero 33. Dimenticata l'allergia ai tornei dello Slam: 13 sconfitte di fila al primo turno, prima di sfatare il tabù guarda caso proprio agli US Open nel 2014. Compirà 36 anni a dicembre ed è il giocatore più anziano dell'era open ad aver raggiunto per la prima volta in carriera gli ottavi di finale di uno Slam. Un traguardo che agli US Open avevano raggiunto Fabio Fognini nel 2015 e Davide Sanguinetti nel 2005. Sono in totale sei i tennisti azzurri ad aver raggiunto gli ottavi a New York: oltre a Lorenzi, Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Gianluca Pozzi, Davide Sanguinetti e Fabio Fognini. Il miglior risultato di un tennista italiano agli US Open è quello ottenuto da Corrado Barazzutti (ma allora si giocava ancora a Forest Hills) nel 1977, quando l’attuale capitano azzurro di Coppa Davis raggiunse le semifinali e fu battuto da Jimmy Connors. L'ultimo tennista azzurro ad aver raggiunto i quarti di finale in un torneo dello Slam è Fabio Fognini: era il Roland Garros 2011.
Roberto Bertellino e sito www.federtennis.it


Paolo Lorenzi (foto Decorato)

 
 
Scrivici
 

Argomenti

Altri sport

Contributo spese spedizione e diffusione

Cronaca

Curiosità

Dalle regioni

Di tutto un po'

Facce da tennis

Gli sponsor

Gli ultimi arrivi tra i circoli

Golf Journal

I negozi selezionati di Tennis Journal

Italian Top Events

L'angolo tecnico

Le classifiche

Le interviste

Maestri

Notizie dal mondo

Personaggi

Presentazioni

Tennis e salute

Ultime notizie