Tennis Journal - tel. 011 3828128 - Iscrizione tribunale di Torino N. 4852 del 24/11/1995 - Direttore responsabile: Roberto Bertellino
 
18/01/2018
 

La storia
 

La sede
 

Gli obiettivi
 
Personaggi
Baldi e il 2018
L'obiettivo è crescere anche come persona, senza fretta (24/12/2017)
Un salto di quattrocento posizioni in classifica mondiale e la wild card sfiorata per le Next Gen Atp Finals di Milano certificano il fatto che il 2017 di Filippo Baldi sia stato positivo. Per dire però che il tennis italiano ha ritrovato un talento, che prometteva davvero tanto a livello giovanile, il ragazzo di Vigevano, attualmente numero 372 del ranking Atp, è chiamato adesso a un ulteriore salto di qualità. E il primo ad esserne consapevole è proprio lui, che praticamente dodici mesi fa ha fatto la scelta di trasferirsi a Palermo per essere seguito da Francesco Aldi nel team che fa capo a Francesco Cinà, adesso impegnato anima e corpo nella preparazione dell’anno che verrà.

BALDI: “DA FINE AGOSTO LA MIA STAGIONE HA CAMBIATO VOLTO” - “Posso ritenermi soddisfatto della mia stagione, in cui ho alzato il livello, in particolare negli ultimi tre o quattro mesi” – il giudizio del giocatore lombardo, 22 anni il prossimo 10 gennaio – “All’inizio dell’anno avevamo lavorato tanto ma i risultati non sono arrivati subito, nonostante le buone sensazioni in allenamento. Poi da fine agosto, con la finale in un Futures in Finlandia, le cose sono un po’ cambiate: fra fine settembre e inizio ottobre ho vinto i miei primi due titoli ITF individuali ad Hammamet, che mi hanno consentito di entrare tra gli otto delle Next Gen Atp Qualificazioni Italia. Ho giocato bene sul veloce di Basiglio, cedendo solo in finale a Gianluigi Quinzi dopo aver battuto Matteo Berrettini e Andrea Pellegrino, che avevano una classifica migliore della mia, e ho fornito prestazioni positive pure nei challenger di Brescia e Andria, dove ho raggiunto la mia prima semifinale in questo circuito. Quindi direi che un 7 e mezzo ci sta tutto, la media fra il 6 e mezzo della prima parte di 2017 e l’8 e mezzo della parte finale, che soprattutto mi dà tanta carica per la prossima stagione”.

“LE NEXT GEN ATP FINALS MI HANNO LASCIATO GRANDE CARICA” - Una bella iniezione di fiducia è venuta a Baldi, nel 2012 vincitore del Torneo dell’Avvenire, proprio dall’evento Next Gen Atp Finals.
 “Oltre ai successi nelle qualificazioni e al buon match contro il mio coetaneo e amico Quinzi, è stato bello potersi allenare per una settimana con i migliori under 21 del circuito, ragazzi che avevo avuto modo di conoscere e frequentare in ambito junior e ancor prima nei tornei under. I vari Chung, Rublev, Khachanov, Shapovalov e gli altri sono stati bravi a lavorare bene per sfruttare le potenzialità di cui dispongono e quindi sono sicuramente più avanti come gioco e completezza di bagaglio tecnico, fisico e mentale, ma nello stare a contatto con loro a Milano ho toccato con mano che tale distanza non è poi incolmabile. A maggior ragione considerando che il processo di maturazione e crescita di ognuno di noi è qualcosa di soggettivo. E questo mi ha dato una bella spinta interiore per dedicarmi con tutto me stesso all’idea di colmare questo gap attuale”. 

“NUOVE REGOLE? OK KILLER POINT E FORMAT TRE SET SU CINQUE AI 4 GAME” – L’evento di inizio novembre a Milano ha fatto parlare molto di sé anche per la sperimentazione sul campo delle nuove regole.
 “Devo dire che personalmente mi sono piaciute, anche se questo giudizio positivo può essere influenzato dal fatto che nelle qualificazioni ho vinto due incontri su tre… In particolare ritengo valida la formula dei tre set su cinque ai 4 game, anche se il tie-break sul 3-3 significa che perdere un punto sul proprio servizio può costare l’intera frazione, così come mi piace il ‘killer point’. Non la penso allo stesso modo invece per l’abolizione del let sul servizio, regola che non credo venga introdotta nel circuito. In ogni caso è stato divertente fungere un po’ da cavie per questo primo test sul tennis del futuro”.


Filippo Baldi in azione a Milano

“STO LAVORANDO DURO, NON SOLO FISICAMENTE, PER IL 2018” - Tutti i pensieri e le attenzioni di Filippo sono comunque ora già rivolti al 2018.
 “Durante la off-season abbiamo lavorato molto sul piano atletico per appesantire la mia palla e rendere ancora più efficace il servizio” - spiega Filippo, che passerà a casa solo Natale e Santo Stefano, allenandosi comunque, per poi scendere di nuovo in Sicilia già il 27 – “Comunque abbiamo cercato di soffermarci su tutti gli aspetti, con grande attenzione dunque anche alla componente mentale e a ogni singolo dettaglio, quali ad esempio lo stile di vita e l’alimentazione, con anche collegato il discorso integratori, quanto mai importanti per un atleta. Lo faremo anche nelle prossime settimane visto che la mia stagione partirà a fine gennaio o inizio febbraio: dobbiamo ancora decidere insieme al mio staff se cominciare con qualche torneo Futures o direttamente con i challenger, entro fine anno credo che definiremo la programmazione”.

“NO OBIETTIVI DI CLASSIFICA MA CRESCITA COME PERSONA E QUINDI GIOCATORE” - Dopo aver tenuto duro nonostante le difficoltà incontrate nel passaggio al circuito professionistico, per il lombardo il 2018 potrebbe veramente essere l’anno della svolta.
 “In passato le mie ambizioni e il crearmi certe aspettative si sono rivelate un problema, per cui ho deciso di cambiare il mio approccio e di darmi del tempo, senza traguardi a breve termine. Questo perché ho finalmente ho trovato un posto dove posso lavorare con serenità e tanta professionalità, senza caricarmi di eccessive pressioni. Quel che desidero dal nuovo anno, allora, è vedere prima di tutto una crescita mia sia come persona che sul campo come giocatore. Nessun obiettivo di classifica, dunque, ma solo l’impegno a dare il massimo in ogni circostanza” – conclude Baldi – “e i risultati che arriveranno saranno una naturale conseguenza”.
Articolo di Gianluca Strocchi tratto dal sito www.federtennis.it

 
 
Scrivici
 

Argomenti

Altri sport

Contributo spese spedizione e diffusione

Cronaca

Curiosità

Dalle regioni

Di tutto un po'

Facce da tennis

Gli sponsor

Gli ultimi arrivi tra i circoli

Golf Journal

I negozi selezionati di Tennis Journal

Italian Top Events

L'angolo tecnico

Le classifiche

Le interviste

Maestri

Notizie dal mondo

Personaggi

Presentazioni

Tennis e salute

Ultime notizie